Live Sicilia

Parla Di Pietro

"Cuffaro rispettoso, ma povera Italia..."


Articolo letto 622 volte

antonio di pietro, cuffaro, Politica
''Poveraccio quel Paese in cui ci si deve stupire se un politico condannato, invece di gridare che i magistrati sono dei farabutti e di denunciare complotti contro di lui, ha dichiarato, dopo aver appreso della condanna definitiva a 7 anni di reclusione per favoreggiamento alla mafia, di rispettare la magistratura e, invece di darsi alla fuga si è andato a costituire al carcere di Regina Coeli''. Lo scrive il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, sul suo blog www.antoniodipietro.it . ''Non sappiamo se Cuffaro si sia comportato in tal modo - continua Di Pietro - per chiudere con uno scatto di dignità ed orgoglio la sua carriera politica (ma glielo auguriamo) oppure se sia solo un'ennesima trovata per confondere le acque e per poter usufruire prima, e più rapidamente, di qualche sconto di pena o beneficio carcerario. Sappiamo, però, che il carcere per i condannati definitivi per fatti gravi (come quelli per cui è accusato Cuffaro, ma anche per altri reati come la prostituzione minorile o la concussione, reati per i quali è accusato Berlusconi) dovrebbe essere la norma. Invece, è un caso eccezionale e per questo, in attesa di verificare la bontà delle intenzioni di Cuffaro, bisogna riconoscergli un rispetto delle istituzioni che è mancato e manca ad altri politici pure finiti sotto inchiesta e soprattutto manca al Presidente del Consiglio Berlusconi.''


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php