Live Sicilia

Ruby e le altre

Silvio e l'affare dei gioielli
"Nadia mente e posso dimostrarlo"


Articolo letto 702 volte
VOTA
0/5
0 voti

nadia macrì, ruby, Cronaca
"Nadia Macrì è una grande bugiarda e io posso dimostrarlo". E' questo il secco giudizio di Tony Di Bella, nei confronti della sua ex moglie, Nadia Macrì, la escort che è tornata ad accusare Silvio Berlusconi parlando di festini hard a pagamento nella villa del premier. Di Bella, 31 anni, disoccupato, che vive a Gela, ribadisce all'ANSA il contenuto di un'intervista rilasciata al "Giornale": "Quel bracciale Svarovski, mostrato da Nadia nella trasmissione televisiva di Raidue, 'Anno Zero', non è stato Berlusconi a regalarglielo ma io". "Glielo comprai in un negozio del centro storico di Gela nell'estate del 2008, al prezzo di 159 euro - ricorda Di Bella - e le regalai anche un orologio, del valore di 109 euro, che al bracciale era abbinato. Lo può testimoniare un mio caro amico, Angelo Buscemi, che era nel negozio e al quale, nella circostanza, presentai mia moglie". Tony Di Bella spiega di avere fatto quel regalo all'ex moglie, dalla quale si era già separato, "nel tentativo, rivelatosi inutile, di riallacciare un rapporto che mirava soprattutto a ricostituire una famiglia per il nostro unico figlio, attualmente affidato ai miei genitori". L'uomo che smentisce Nadia Macrì, ascoltata ieri per cinque ore da pm della Procura di Milano che conducono l'inchiesta su Berlusconi, è adesso molto "gettonato" da giornali e televisioni, soprattutto da quelli vicini al premier.

"Lunedì parto per Milano - rivela - perché sono stato invitato da Tele Lombardia. Mi hanno contattato anche il TG5 e il sottosegretario Daniela Santanché; aspetto di avere con loro un appuntamento". Di Bella, ex rappresentante di un'azienda di distribuzione merci, dice di essere disposto a trasferirsi all'estero. "Cerco lavoro - spiega - per assicurare un futuro a mio figlio che ormai ha quasi sette anni". Il bambino, che vive con i genitori paterni, è all'oscuro di tutto. Non sa nulla di quello che fa la madre, che peraltro ha ingaggiato una battaglia giudiziaria con l'ex marito per l'affidamento del figlio sfociata nella decisione dei giudici minorili di affidare il bimbo ai nonni. Ma Di Bella, pure su questo argomento, torna ad accusare l'ex moglie, che oggi vive a Modena con un amico e che ha ammesso di avere fatto la escort per vivere: "Si è dimenticato del figlio. Anche se si pentisse e chiedesse di tornare con me per lei non ci sarebbe perdono possibile. Una mamma seria, per amore del proprio figlio, sarebbe andata a fare il lavoro più umile, ma dignitoso, anche a lavare le scale ma mai a fare la p... o la 'escort' come oggi si fa chiamare". L'ex marito della donna dice che sta ancora pagando le conseguenze di quel matrimonio finito male. "Quando, nel 2000, la conobbi e me ne innamorai - racconta - lei faceva la cubista alla discoteca 'Dadaumpa' di Parma. Per farle cambiare mestiere e crearci una famiglia le chiesi cosa voleva. Mi disse che avrebbe voluto gestire un bar. Vendetti una casa lasciatami in eredità da mio nonno per comprarle il locale, ma durò poco. Vendemmo il bar e aprimmo una profumeria. Stesso risultato. Ancora oggi pago alle banche i debiti di quelle sciagurate iniziative commerciali che mi costarono 450 mila euro". Tony Di Bella, infine, sostiene che la ex moglie sarebbe disposta a tutto per ottenere la notorietà: "E' una donna irrequieta, incapace di un rapporto fisso. Quando andò via cercava la carriera artistica, ambiva al successo, sognava di entrare nella casa del 'Grande Fratello'. Avrebbe fatto carte false per riuscirci".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php