Live Sicilia

Chi sarà la maglia nera 2011

Il grande sconfitto?
Fabio, stai attento...


Articolo letto 602 volte

2011, fabio granata, Politica, sconfitto, Politica
Chi sarà la maglia nera siciliana del 2011, in politica? Fabio, stai attento. La granata, stavolta, rischia di scoppiarti tra le mani. Fabio Granata da Caltanissetta (ma più noto a Siracusa) in cerca di un posto al sole. Tanti anni fa, Enzo Santacroce - un vecchio e sagace animale politico della Prima Repubblica - preconizzava per lui un futuro brillantissimo. "Fabio è bravo, vedrete - ecco la profezia di Santacroce - riuscirà benissimo". Detto fatto. "Fabio" è uno che sa curare bene l'immagine. Stop? I maligni (purtroppo)  spifferano contumelie in continuazione contro di lui, altrimenti che maligni sarebbero. Uno che (purtroppo) non lo ama sostiene che la sua esperienza politico-amministrativa sia da sempre un terno al lotto e che la fulgida corazza di uomo tutto di un pezzo, Dio, Patria e Famiglia, rappresenti una maschera forgiata ad arte. Intendiamoci, il latore delle urticanti maldicenze sostiene che l'onorevole Granata è sicuramente un politico "mediamente perbene". Definizione scivolosa. Proviamo con l'ermeneutica: uno che non ruba, ma nemmeno un odoroso giglio di campo.

Si era messa bene per l'onorevole. Lo strappo di Fini. I giornali in fila per intervistarlo. E lui sulle barricate, con quel profilo da arcangelo vendicatore gianfranchista, anche un po' di taglia larga. Perché qualunque idiota potrebbe obiettare: scusi, Granata, se n'è accorto adesso che certi suoi compagni di viaggio - verso cui ha espresso giudizi taglienti - erano quella schifezza della schifezza che dice lei? E i tempi trascorsi? Delle due l'una, caro Granata - obietterebbe l'idiota - o c'era la convenienza o lei non ci vede bene. Malissimo in entrambi i casi.
Con il tramontare del terzo polo, la miccia si è bagnata. Se Fini, il generalissimo, cade da cavallo e si rompe la schiena, chi soccorrerà il miles gloriosus Granata? Anche perché, dopo gli auguri porti al leader con un post ("Caro Gianfranco, comunque grazie", con tanto di foto sorridente a trentasei denti accanto al capo), alla vigilia dell'epica legnata della sfiducia, si è pure sparsa la voce che Fabio sia sfigato e conduca i camerati nel medesimo sentiero di lacrime e stridore di denti. La battuta che circola è perfino banale:  una vera mina vagante.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php