Live Sicilia

Circolare di Russo, la protesta dei sindacati

Tagli agli stipendi dei medici "d'ufficio"


indennità medica, massimo russo, regione sicilia, sanità, tagli stipendi medici, Politica
Sono medici ma non indossano il camice bianco. Si tratta dei dottori che non prestano "assistenza sanitaria" e lavorano negli uffici e non a contatto con i pazienti. Su di loro si abbatte la scure dell'assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, che ha emanato una circolare alle Asp e alle strutture sanitarie siciliane a cui si chiede una ricognizione dei dirigenti medici e veterinari. Secondo l'assessorato, infatti, a loro sarebbe stata corrisposta indebitamente l'indennità di specificità medica: 600 euro in più al mese in busta paga.

L'incremento, secondo la circolare, "deve essere corrisposto esclusivamente a quelle aree professionali della dirigenza medica e veterinaria alle quali sono affidati compiti assistenziali, di diagnosi e cura e di tutela della salute pubblica".

Levata di scudi dei sindacati dei medici. "E' l'ultimo colpo di teatro dell'assessore, è a rischio la busta paga di migliaia di dipendenti" dice Renato Costa della Cgil a Repubblica Palermo. "Seguendo il pensiero dell'assessore si adombrerebbero 25 anni di truffa ai danni del servizio sanitario nazionale" replica Angelo Collodoro, vice presidente regionale dell'Ampo Ascoti Fials, a Russo. "Speravamo di poter rinvenire, all'interno del suo scritto, l'indicazione specifica di quale fosse la norma o la sentenza o la brillante tesi dottrinale che ne supportava l'assunto" scrive direttamente a Russo Riccardo Spampinato, segretario regionale del Cimo, che conclude sostenendo che "la circolare è solo frutto della sua brillante intuizione".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php