Live Sicilia

La replica di Lombardo

"Si sono fatti strumentalizzare"


addio pizzo, raffaele lombardo, replica, Politica
La replica del presidente non si fa attendere: "Sono stati strumentalizzati dai miei nemici. Addiopizzo svolge un'azione importante per la sensibilità antimafia.- dice Lombardo - Ma non vorremmo che, facendosi attirare da sirene più o meno accattivanti e da letture interessate di circostanza che nulla hanno a che fare con la mia condotta, si ritrovasse a sostenere quegli stessi interessi che con coraggio contrasta".

"Le considerazioni di Addiopizzo come sempre rispettabili nelle finalità, sono frutto naturale del bombardamento politico-mediatico che da nove mesi siamo costretti a subire a fronte di un'indagine giudiziaria che non riguarda il presidente della Regione". Lo ribadisce il presidente della Regione Raffaele Lombardo, commentando la richiesta di dimissioni avanzata dall'associazione antriracket. "E stato fatto credere il contrario - aggiunge - utilizzando scarti d'indagine per fini politici, creando artificiosamente ombre che invece non esistono se non nei sentimenti di chi le ha ogni giorno evocate per strumentalizzarle a fini certo diversi per i quali si muovono i ragazzi di Addiopizzo". Lombardo sottolinea poi che il governo della Regione "da due anni e mezzo contrasta Cosa Nostra e il malaffare con provvedimenti seri e rigorosi nel campo dello sfruttamento dell'energia e della gestione della sanità, solo per citarne due, in cui le infiltrazioni criminali in Sicilia da anni l'hanno fatta da padrone". E ricorda l'operato in questi settori degli assessori Massimo Russo e Piercarmelo Russo, e da qualche settimana del prefetto antiracket Giosué Marino. "Loro assieme agli altri assessori - aggiunge - hanno composto una squadra di governo che per livello e qualità non è certo facile ritrovare nella storia della Regione Siciliana". Il Governatore conclude ricordando ai dirigenti di Addiopizzo "che anche con la loro organizzazione questo governo regionale ha lavorato, sostenendo anche finanziariamente le iniziative portate avanti, nel nome dell'antimafia, senza se e senza ma".

Fonte Ansa


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php