Live Sicilia

La protesta

"Okkupazione", la scuola si spacca


, Cronaca
Quasi tutte le scuole palermitane sono in stato di agitazione, con autogestioni, assemblee permanenti e occupazioni. Ma sulle modalità della protesta si sta consumando una spaccatatura tra gli studenti. Da un lato alcuni licei ("Garibaldi", "Cannizzaro", "Umberto" e "Regina Margherita") sono stati occupati dai Collettivi accusati di essere troppo "politicizzati". Dall'altro il Coordinamento "Studenti In Movimento" che guida una rete di 17 scuole che si riconoscono nel cartello "Per una protesta libera", che rivendica uno spazio nella protesta "senza alcuna strumentalizzazione politica".

Questo pomeriggio al Liceo Artistico Damiani Almeyda in autogestione si svolgerà l'assemblea dei rappresentanti durante la quale verrà discusso e firmato un documento "contro le occupazioni politicizzate" e sarà organizzata la giornata di mobilitazione di giovedì 25 novembre. "E' una protesta comune a quasi tutte le scuole palermitane - spiega Attilio Costa, rappresentante d'istituto del Liceo Artistico Almeyda e portavoce del coordinamento - contro il finanziamento alle scuole paritarie e la decisione di alcuni docenti di non effettuare viaggi d'istruzione. Vogliamo che gli studenti palermitani sappiano che in una circolare la Cgil invita i docenti a non effettuare viaggi d'istruzione e laboratori come forma di protesta, crediamo che i docenti che seguiranno questa direttiva calpesteranno i diritti di noi studenti".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php