Live Sicilia

Il presidente Lombardo e l'inchiesta

"Sono scarti d'indagine
per destabilizzare la Sicilia"


Catania, inchiesta, indagine, mafia, Politica, raffaele lombardo, Politica
"Scarti di indagine per destabilizzare la Sicilia". Lo dice il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo commentando le notizie sull'inchiesta della procura di Catania in cui è coinvolto. "Siamo a novembre, il mese nel quale secondo vari esponenti della politica e non solo, si sarebbero dovute svolgere elezioni regionali anticipate - aggiunge - Era quindi prevedibile che tornassero alla carica quanti si sono adoperati, a vario titolo e con vari mezzi per abbattere Governo e Assemblea regionale siciliana, si tratti di parlamentari ideatori di improbabili leggi di decadenza del Presidente o di mozioni di sfiducia, di beneficiari di privilegi che qualche riforma regionale ha intaccato o dei loro ventriloqui".

"
A dare la sveglia provvede - conclude - certa stampa che, mollando la Rubacuori e il ruolo di portavoce delle escort, con tutto il rispetto per loro, assume quello di megafono di presunti boss e, rimestando scarti di indagini, non esita ad attenuare la portata del successo di magistratura e forze dell'ordine, pur di fare apparire principale accusato chi non è stato ritenuto passibile di iniziativa processuale alcuna".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php