Live Sicilia

L'intervista all'espresso

Le parole di Lombardo
E quelle degli altri


Articolo letto 482 volte

ars, intervista, raffaele lombardo
Le parole sono il  biglietto da visita, svelano il nucleo dietro la corteccia, misurano la febbre, l'affabilità, la rabbia, l'impazienza di una persona. E vanno oltre. Giudici inesorabili, sperimentano l'adattabilità del singolo a un ruolo. Le parole rilasciate come pizzini iracondi da Raffaele Lombardo, nella mai smentita intervista all'Espresso, non sono quelle esatte per un presidente. E qui non si tratta di essere ascari al soldo di una potenza straniera, o mestatori nell'ombra, congiurati sulla pelle della Sicilia. Le parole di Lombardo sono a disposizione di tutti e tutti possono intenderle secondo giustizia e peso. Leggete e valutate.

Il presidente dei siciliani (di ognuno di noi) non usa un linguaggio perlomeno discutibile per definire i suoi nemici politici, ancorché fossero i diavoli scatenati dell'inferno. Cerca la sobrietà e la continenza, se ci riesce, persegue l'eleganza e l'unità, non semina campi minati.  Casomai, in presenza di eventi che giudica poco chiari, si reca dal magistrato.  E se non ci va, o se c'è già andato, pace. Il presidente dei siciliani non traccia la linea dei buoni e dei cattivi, secondo il comodo registro: chi sta con me è sicuramente antimafioso, gli altri chissà. E' un vecchio metodo e peccato che Sciascia non sia più qui.  Il presidente dei siciliani non insulta i suoi avversari, togliendosi dolorosi sassolini,  a mezzo stampa. Si dirà che Raffaele Lombardo è stato vilipeso e percosso a sangue. Può darsi, anzi:  è accaduto in situazioni parimenti oscene. Tuttavia un presidente ha la maggiore responsabilità della calma e della coesione e mai dovrebbe smarrirla. Un vero servitore delle istituzioni non si lascia, infine,  scappare un'orrenda battuta su Kabul, nemmeno per sbaglio. Voleva essere spiritoso, governatore? Ci creda o no: a noi della redazione di Livesicilia si è stretto il cuore nel leggere l'Ansa con la sua dichiarazione, anche per lei, perché la riteniamo un uomo capace di sorridere al momento giusto e di provare e mostrare pietà nel frangente opportuno. E siamo cronisti con una certa esperienza degli eccessi. E non abbiamo, grazie a Dio, figli morti in Afghanistan.

Poi ci sono le altre parole, i grugniti e i rutti della nostra classe politica che si è felicemente scannata e che gioiosamente si scanna ad ogni occasione. I nemici di ieri e gli amici di oggi di Lombardo inanellano figure da peracottari, scambiandosi maschere e parti in commedia, in una ridda di sguaiati nonsensi. Ben pochi possono rivendicare coerenza e serietà. Gli altri mortificano il decoro delle istituzioni con un molesto gracidio. Beati gli onesti, beati gli assenti. Beatissimi i  sordomuti all'ultimo piano della Torre di Babele.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php