Live Sicilia

Il siciliano morto in Afghanistan

Sebastiano, un militare esperto
Da 7 anni era in ferma volontaria


Articolo letto 576 volte
VOTA
0/5
0 voti

afghanistan, attentato, militare, pina maisano grassi, Cronaca
Nato a Lentini nel 1983, Sebastiano Ville viveva in un appartamento inserito in un blocco di tre palazzine in contrada Sant'Antonio a Francofonte, dove stamani  si è radunata una folla di amici del militare ucciso.

Dopo sette anni di ferma volontaria il primo caporal maggiore degli Alpini, sarebbe diventato effettivo nel dicembre prossimo. Lo ha reso noto il capitano Ezio Raciti del 62/mo Reggimento Fanteria dell'Esercito di Catania, uscendo dall' abitazione della vittima siciliana dell'attentato in Afghanistan. ''I familiari sono molto scossi - ha detto l'ufficiale - ed hanno reagito con profondo dolore alla notizia. Se hanno appreso tutto dalla stampa? Non lo sappiamo, noi ci siamo mossi in tempo reale e alle 10.30 eravamo sul posto''. Il capitano Raciti ha confermato che Ville ''era stato già in teatri di questo genere''. ''Era - ha aggiunto l'ufficiale - un militare esperto che aveva dato il suo contributo in altre attività operative in zone di alta intensita'''.

''Le condizioni dei familiari di Sebastiano Ville sono drammatiche dal punto di vista psicologico. Sono tutti distrutti e hanno avuto bisogno di assumere dei sedativi per essere tranquillizzati''. Lo ha detto il dottore di turno della Guardia Medica di Francofonte, Sebastiano Amato, uscendo dall'abitazione della vittima siciliana dell'attentato in Afghanistan. ''Oltre al dolore - ha aggiunto il medico - c'e' anche la rabbia di avere appreso la notizia da alcuni giornalisti e questo li ha sconvolti ancora di piu'''.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php