Live Sicilia

Giuseppe Di Lello

Se i magistrati fanno il verso alla politica


Articolo letto 730 volte
VOTA
0/5
0 voti

correnti, csm, festival legalità, magistrati, peppino di lello, Cronaca
Protagonista in prima linea della lotta alla mafia in quegli anni, visto il suo ruolo nel pool antimafia, Giuseppe Di Lello ha condiviso insieme a Paolo Borsellino, Giovanni Falcone e Leonardo Guarnotta, un periodo storico e tremendo. Di vittorie e sconfitte nella lotta alla mafia. Di tragedie, che hanno colpito, da Chinnici a Borsellino, molti suoi colleghi. E proprio sul ruolo dei giudici oggi, in occasione del Festival della legalità in corso a Villa Filippina, Di Lello ha espresso il suo parere con tono flemmatico, ma usando concetti molto chiari, durante un dibattito moderato dal giornalista del Corriere della sera Felice Cavallaro e al quale era presente anche Rita Borsellino.

"A volte, purtroppo, anche nella Magistratura assistiamo a lotte per accaparrarsi i ruoli dirigenziali. Pochi posti, per tanti giudici che concorrono. E troppo spesso - ha aggiunto - si tende a cercare delle 'raccomandazioni politiche' per raggiungere questi obiettivi". Una fotografia assai critica nei confronti dell'attuale Csm, e in particolare sulla divisione dei giudici in 'correnti': "Correnti che vanno bene se sono luoghi di dibattito, ma che diventano assai dannose se vengono interpretate come i mezzi per la spartizione dei posti all'interno della magistratura". E ancora: "Maggiore attenzione - ha detto Di Lello - andrebbe fatta sulla tempestività delle nomine. Così la nostra categoria, e mi riferisco in particolare alla rappresentanza del Csm, perde di credibilità e non fa altro che scimmiottare la politica". Nonostante tutto questo, Di Lello ha notato un "miglioramento" in alcuni aspetti dell'amministrazione della giustizia e anche nel rapporto con la pubblica opinione: "Negli anni '70, è bene dirlo, molti procuratori, sebbene non fossero certamente mafiosi, portavano con sè i valori di Cosa nostra. E in molti casi, lo stesso si può dire dell'opinione pubblica...". E il riferimento va ai giornali di venti anni fa: "Ricordo benissimo cosa scriveva Il Giornale di Montanelli o il Giornale di Sicilia. Dicevano che noi giudici dovevamo essere rinchiusi tutti in uno stesso palazzo e i nostri figli dovevano frequentare tutti la stessa classe per evitare che gli attentati potessero colpire altre persone oltre a noi. Ricordo anche il fastidio espresso per le sirene, i posti di blocco. Come se noi giudici dessimo più fastidio della mafia. Venti anni fa, dovevamo guardarci non solo dalla mafia, ma anche dalle istituzioni". Oggi, però, qualcosa è cambiato. Ma molto c'è ancora da fare: "La chiave è la conoscenza, la possibilità che l'opinione pubblica sappia cosa succede. E di certo - ha concluso - leggi liberticide come quella sulle intercettazioni rischiano di farci torare davvero venti anni indietro".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php