Live Sicilia

CONI

4 campioni per una bandiera
Al via il 41° trofeo di Sicilia


Articolo letto 535 volte
VOTA
0/5
0 voti

coni, sicilia, Sport, Sport
Grande attesa per i cinque atleti che sono stati scelti come Portabandiera in occasione della Cerimonia d’Apertura del  41° Trofeo Sicilia. Cinque come i Cerchi Olimpici, cinque stelle che con in mano un lembo della  bandiera del Coni brilleranno all’unisono alla testa di un  lungo corteo formato dai circa 2.000 atleti che venerdì sera sfileranno ognuno in rappresentanza della provincia di provenienza.
I loro nomi sono già leggenda e per i giovani atleti rappresentano la realizzazione di un sogno possibile, un traguardo da raggiungere. Stiamo parlando di Piero Alessi, Medaglia d’Oro di Ju-Jitsu ai Campionati Europei 2010 Under 18, di Vito Angileri, bronzo al Mondiale di Taekwondo, della velocista Vincenza Calì, con la quale abbiamo vissuto il sogno olimpico di Laura Linares, Campionessa Mondiale di Wind Surf e di Luca Monacada, 6 volte Campione del Mondo di Canottaggio. Immaginarli tutti insieme genera già forti emozioni ed è un brivido che raggiunge tutti, un sentimento d’orgoglio diffuso. Costoro rappresentano lo sport siciliano, i nostri campioni, le nostre vittorie, la parte più sana della nostra società.
"Fare da portabandiera al 41° Trofeo Sicilia è per me un privilegio enorme, un’esperienza diversa da quelle a cui sono stato abituato in passato, partecipando a numerose gare e campionati – dice Luca Moncada -  oggi, poter essere io un modello e un esempio per tutti gli altri giovani sportivi mi gratifica moltissimo. Saranno due giorni intensi che mi vedranno impegnato anche nella veste di collaboratore dello Staff Tecnico del Coni, per far sì che la manifestazione riesca al meglio. Tutto questo per garantire, a chi lo vivrà da protagonista, che il trofeo sia un’esperienza unica e un ricordo indimenticabile".  Esperienza unica anche per Vito Angileri: "Quando sono stato contattato per comunicarmi  la mia partecipazione alla cerimonia di apertura del  41° Trofeo Sicilia ne sono stato molto entusiasta – dice Vito - per me è un immenso piacere essere portabandiera dei cerchi olimpici in   questa manifestazione, che è tra le più importanti della Sicilia". Sono tutti  ragazzi molto impegnati che hanno fatto di tutto per poterci essere, come Laura Linares che dall’altra parte dell’Italia si sta precipitando in Sicilia: "Sono molto felice di poter rappresentare la Sicilia attraverso lo sport. Il voler rappresentare una Sicilia giovane, in cui i valori cosi come nello sport vengono prima di ogni successo, il rispetto, l'onestà, la capacità di migliorare e guardare al futuro con grandi obiettivi.
Abbiamo delle ''palestre naturali '' uniche al mondo fatte di vento, mare e sole costanti tutto l'anno e a costo zero". Il più giovane fra i portabandiera è Piero Alessi  che mentre parla non riesce a frenare l’emozione: "Sono veramente felice, ma soprattutto onorato di partecipare a questo importantissimo evento e ringrazio il CONI di avermi dato questa bellissima opportunità. Il Trofeo Sicilia – continua Piero -  vuole essere la festa dello sport,  ma  principalmente vuole lanciare un messaggio a tutti i giovani e non solo. Tutto si può raggiungere quando si ha la ferma volontà di conquistare un traguardo ed uno volta raggiunto, soprattutto quando questo è il risultato di grandi sacrifici, la gioia, vi garantisco, è veramente indescrivibile. Niente è lontanamente paragonabile a quello che si prova alzando le braccia al cielo!! Ragazzi mettetevi la tuta e scendete in pista, certe cose non si possono descrivere ma vanno semplicemente provate!! Sconsigliato ai deboli di cuore. Attenzione, la vittoria causa dipendenza !!  Un grosso augurio ed un in bocca al lupo a tutti i partecipanti".
Più sintetico ma non per questo meno bello l’augurio della velocista Vincenzina Calì, che è riuscita a portare la Sicilia alle Olimpiadi di Pechino: "Grazie per avermi scelta come portabandiera, per me e' un onore!! Amo la mia terra e amo lo sport! Grazie ancora e a domani!"
Parole che sono già una vittoria per  il numero uno dello sport siciliano, il Presidente del Coni Sicilia, Massimo Costa "I pensieri di questi ragazzi sono l’espressione dei valori radicati nello sport. Lo sport è una palestra di vita, che insegna a lottare, a rispettare le regole e i compagni. La manifestazione costituisce un momento di aggregazione importante che riesce a mettere in rilievo lo spirito della sana competizione sportiva.  L’augurio che rivolgo a tutti i partecipanti di questa 41° edizione è che per tutti possa rappresentare un trampolino di lancio ed una importante vetrina internazionale".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php