Live Sicilia

I rapporti con Superman

Pierluigi e Silvio per lui pari sono


Articolo letto 524 volte
VOTA
0/5
0 voti

, Politica
Probabilmente Pierluigi Bersani non ha colpa. Se avesse guardato con più attenzione il personaggio vestito da Superman che gli tendeva la mano, avrebbe avuto la sensibiità umana - qualità di cui il capo del Pd è dotato - e l'accortezza politica di ricambiare il saluto. Ma gli uomini d'ordine si sono frapposti, perché a loro non è richiesto d'essere né sensibili, né accorti. Così, Pasquale Putignano - disoccupato impegnato in una sua sgargiante battaglia con la calzamaglia di Nembo Kid - è stato cacciato, col suo sconforto.

Già un'altra volta Pasquale - come narrò in un'intervista a Livesicilia - era rimasto di sasso. Voleva semplicemente vedere Berlusconi, a Roma. Pure in quel caso, nonostante la cortesia delle sue parole,  fu rimosso dal cammino presidenziale senza complimenti. Perché è normale pensare che gli attentati al presidente del Consiglio riescano meglio col costume da supereroe, per la serie: non dare nell'occhio. Pasquale però non si arrende. Continuerà a tendere le sue mani alla politica, in attesa di una risposta.

Intanto, di chiunque sia la colpa, dal fatto minimo di ieri si deduce - a torto o a ragione - una rappresentazione plastica e sconfortante. La politica, così premurosa e così attenta ai drammi della gente in teoria, nella prassi evita il contatto fisico, il calore umano. Si comporta con lo stesso distacco che intercorreva tra aristocrazia e plebe. Il leader del centrosinistra, colui che dovrebbe rappresentare la risorsa dei disperati, non è raggiungibile nemmeno con una pacata stretta, neanche con un sorriso o una parola.
Pasquale Putignano, d'ora in poi,  penserà che Pierluigi e Silvio siano la stessa cosa. Anzi, la stessa casta. Egualmente lontani.  Possiamo dargli torto?


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php