Live Sicilia

"Repubblica": spuntano i colletti bianchi

Lombardo, novità nell'inchiesta?


Articolo letto 490 volte

inchiesta, mafia, raffaele lombardo, Cronaca
Repubblica torna oggi sull'inchiesta catanese su Raffaele Lombardo, la famosa e contestata indagine sul concorso esterno. Il presidente ha detto più volte che a suo carico non c'è nulla. Oggi l'edizione palermitana del quotidiano di Ezio Mauro torna sull'argomento, con un pezzo di Francesco Viviano. Viviano ribadisce: "Per il presidente e per il fratello Angelo, la Procura diretta da Vincenzo D'Agata non ha chiesto gli arresti perché allo stato: non ci sono elementi sufficienti indizi di colpevolezza".

Scrive ancora Viviano: "L'inchiesta tuttavia è tutt'altro che conclusa e registra due grossi elementi di novità. La prima quella accaduta appena ieri pomeriggio con la perquisizione nella redazione del periodico "Sud" su ordine della Procura della Repubblica di Catania e su sollecitazione del presidente della Regione, Raffaele Lombardo, che due giorni fa ha presentato una denuncia segnalando che "Sud" nel prossimo numero atteso tra oggi e domani avrebbe pubblicato atti relativi all'inchiesta. Ma c'è un altro elemento che turba i sonni del presidente della Regione: l'iscrizione nel registro degli indagati di un altro personaggio eccellente, il geologo Orazio Barbagallo, anche lui accusato di concorso esterno in associazione mafiosa".

Perché il presidente sarebbe turbato? Si legge: "Il ruolo di questo professionista è descritto nella corposa richiesta del pm (...) per gli investigatori il geologo Orazio Barbagallo sarebbe stato 'un anello di collegamento' tra i mafiosi catanesi ed alcuni esponenti politici locali e regionali. E con lui anche altri colletti bianchi sono finiti nel registro degli indagati della Procura di Catania. Abbastanza per non considerare affatto concluso il capitolo più spinoso con il quale Lombardo - che ha sempre respinto - ogni accusa e negato qualunque rapporto con la mafia catanese - deve fare i conti".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php