Live Sicilia

L'accusa: "Nomine poco chiare"

Soprintendenze, il Pdl:
"Un vero scempio"

VOTA
0/5
0 voti

pdl, soprintendenze, Politica
"Riforme, meritocrazia, trasparenza, sono gli slogan assillanti di tutti i predatori 'dell'arca perduta' con a capo il condottiero spavaldo Raffaele Lombardo. L'ultimo assalto è alle soprintendenze ai Beni culturali". Lombardo 'l'arraffa nomine' continua a non utilizzare nessun tipo di criterio trasparente o meritocratico". Lo dicono i deputati del Pdl all'Ars, Fabio Mancuso e Pippo Limoli sulle nomine alle soprintendenze ai Beni culturali.
"Il silenzio dei vari Lumia, Cracolici & company è d'oro - proseguono - forse perché hanno partecipato all'occupazione o forse perché non hanno al solito nulla da dire su questo scempio della burocrazia regionale. Naturalmente nessun commento dagli altri cavalieri di Lombardo, come Granata, già abituati anche loro a questo metodo avendolo utilizzato ai tempi d'oro del loro interregno in terra sicula".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php