Live Sicilia

"Chiediamo scusa alle vittime"

I figli di un condannato per mafia
"I veri eroi sono Falcone e Borsellino"


borsellino, falcone, mafia, mazara del vallo, scuse, sucameli, vittime, Cronaca
"In questi giorni si celebra il 18/mo anniversario della morte di Paolo Borsellino e decidiamo di onorare la sua memoria quali figli di un imputato per mafia, testimoniando la nostra indignazione per lo scempio che del nostro nome ha fatto nostro padre e chiedendo scusa a quanti sono stati direttamente o indirettamente colpiti dalla sua azione criminosa". Lo affermano Francesco, Alessandro e Dario Sucameli, i tre figli di Pino, l'architetto di 62 anni, dirigente dell'ufficio tecnico del Comune di Mazara del Vallo (Tp) arrestato nel 2007 per avere favorito la latitanza di due boss mafiosi e condannato del 2009 a 10 anni e otto mesi di reclusione. "Noi vogliamo dire a tutti - si legge nella lettera inviata al quotidiano La Sicilia di Catania che la pubblica in prima pagina - che l'esempio di uomini come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ci ha resi capaci di riconoscere ancora l'onore e la dignità vera di vita vissuta onestamente, di superare l'equivoco della solidarietà familiare e chiamare le cose con il nome: mafia". "Chiediamo ancora scusa a tutti per lui - si legge inoltre nella missiva dove i tre figli non nominano mai direttamente il padre con il suo nome o il ruolo familiare - la mafia è solo una 'montagna di merda'... anche quella che incontrate ogni giorno dentro il bar e sorridente vi invita a condividere un caffé, con quella sconvolgente normalità del male che avvolge la quotidianità della nostra terra". "Voglia essere questo - concludono Francesco, Alessandro e Dario Sucameli nella lettera - il nostro piccolo contributo di testimonianza e resistenza alla Sicilia onesta. Grazie Paolo, grazie Giovanni: gli unici uomini d'onore che riconosciamo".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php