Live Sicilia

GELA

Pensionato violenta minore: arrestato
E adesso spuntano altre vittime


Articolo letto 558 volte
VOTA
0/5
0 voti

abuso, arresto, minore, pedofilia, sessuale, violenza, Cronaca
Un pensionato di Gela, Giovanni Tardigrado, di 69 anni, ex dipendente del petrolchimico dell'Eni, ora dj per passione in una tv privata locale, e' stato arrestato dalla polizia mentre tentava di violentare un ragazzo di 15 anni. Gli agenti del commissariato, coordinati dal vice questore Angelo Bellomo, indagavano da tempo sul suo conto. L'anziano disponeva di un alloggio nel centro storico, che aveva trasformato in alcova. La polizia vi aveva installato alcune minuscole telecamere, collegate con la sala operativa. Nel pomeriggio di venerdi', dai monitor, a distanza, hanno visto Tardigrado arrivare in quella casa in compagnia di un minorenne. Il pensionato, dapprima gli ha fatto vedere un film porno e poi lo ha fatto spogliare denudandosi anche lui. Gli investigatori sono intervenuti quando sono stati certi che, malgrado le resistenze del giovane, si stava per consumare una violenza sessuale. Hanno fatto irruzione nell'alloggio e hanno arrestato Giovanni Tardigrado che aveva gia' violentato il ragazzo. Negli uffici di polizia, il 15enne, alla presenza del padre, nel frattempo informato dei fatti, ha presentato denuncia contro il suo violentatore dichiarando che Tardigrado lo aveva costretto a quel rapporto con minacce di pesanti ritorsioni.

E ci sarebbero altre vittime di violenza carnale imputabili a Giovanni Tardigrado. La polizia infatti sta esaminando i tanti elementi di prova a suo carico raccolti in settimane di indagini, con l'ausilio di microspie e di telecamere piazzate davanti e dentro l'appartamento-alcova nel centro storico di Gela. Il probabile violentatore seriale avrebbe irretito bambini e adolescenti facendo loro regali, tra cui ricariche telefoniche, e poi li avrebbe invitati a portare altri amici, con la scusa di effettuare registrazioni, dediche e messaggi da mandare in onda in televisione. Questo ''passaparola'' e' arrivato alle orecchie del dirigente scolastico di un istituto comprensivo della citta', che ha informato la polizia, facendo scattare le indagini.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php