Live Sicilia

Editoria

In libreria "Salina, la sabbia che resta"


Articolo letto 637 volte
VOTA
0/5
0 voti

cacciatore, catalano, flaccovio, Libri, palazzotto, salina, Zapping
Sesso e ricatti, faide familiari e amori difficili, assedio mediatico e un delitto. Sono questi i temi di "Salina, la sabbia che resta", un divertente romanzo di Giacomo Cacciatore, Raffaella Catalano e Gery Palazzotto che sarà in tutte le librerie a partire da domani. Ambientato alle Eolie, "Salina, la sabba che resta" offre anche spunti di riflessione sulla vita isolana, fatta di piccoli orizzonti e grande libertà.

La trama. A Salina, il magistrato Ottavio Lodato viene ucciso nella sua villa. Lì lo aspettava Sofia, la sua amante minorenne dalla quale ora tutti pretendono risposte. Di colpo, un’estate come le altre diventa diversa. I primi a rendersene conto sono il comandante dei carabinieri Bartolo Italiano, che deve gestire il caso, e il giornalista Nino Torta, che scrive e stampa Il vento delle Eolie, strampalato quotidiano locale. E se l’uno dovrà affrontare non solo l’indagine più difficile della sua carriera ma anche le spine della gelosia, all’altro toccherà destreggiarsi con un mestiere di cui finora si è solo pavoneggiato.

Tra antichi rancori e amori complicati, ricatti sessuali e assedio mediatico, il delitto diventa la miccia di una bomba rimasta sepolta per anni sotto la pigra tranquillità dell’isola più verde delle Eolie. E quando un’estate inquieta finisce, ciascuno si ritrova a fare i conti con la propria solitudine: buono o cattivo che sia, persecutore o perseguitato, amico o nemico. Ognuno dovrà andare fino in fondo per leggere le tracce di verità sulla sabbia che resta.

Gli autoriGiacomo Cacciatore, calabrese di nascita e palermitano d’adozione, è scrittore, editor e giornalista. Ha collaborato per anni come corsivista con La Repubblica. Ha pubblicato con Einaudi (Figlio di Vetro, 2007, romanzo tradotto in tre lingue), con Dario Flaccovio (il romanzo L’uomo di spalle, 2005, in corso di traduzione in Francia), con Mondadori (vari racconti dal 2002 al 2009), con Unmondoaparte (il saggio Il terrorista dei generi – Tutto il cinema di Lucio Fulci, 2004) e con altri editori.

Raffaella Catalano, palermitana, è giornalista e consulente editoriale. Ha collaborato per dieci anni come cronista di giudiziaria con varie testate, tra le quali La Repubblica e La Sicilia. Dal 2000 lavora come editor con scrittori ed editori. Ha scritto e realizzato con Giacomo Cacciatore e Gery Palazzotto la docufiction Il mago dei soldi (Novantacento, 2009). Con Nicolò Angileri ha firmato un libro sulla pedofilia, Angeli e orchi (Dario Flaccovio, 2009) e con I.M.D., un poliziotto della Catturandi, ha scritto "100% sbirro" (Dario Flaccovio, 2010).

Gery Palazzotto è nato a Palermo nel 1963, dove vive e lavora. È giornalista, ghost writer e consulente di un grande gruppo editoriale italiano. Con questa casa editrice ha pubblicato i romanzi Di nome faceva Michele, nel 2004 (tradotto in Spagna), e Giù dalla rupe, nel 2006.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php