Live Sicilia

Immigrati respinti, ufficiali imputati

Quella notte del 30 agosto 2009


Articolo letto 527 volte
VOTA
0/5
0 voti

30 agosto 2009, respingimento immigrati, siracusa, Cronaca
Un gommone con a bordo 75 migranti, compresi alcuni bambini, partita dalla Libia bloccata da unità navali della guardia di finanza nella notte tra il 30 e il 31 agosto del 2009 in acque internazionali al largo di Portopaolo di Capo Passero. Sembrava l'ennesima operazione di soccorso di clandestini impegnati nel viaggio della speranza verso la Sicilia, porta d'Europa. Gli extracomunitari furono fatti salire sulla nave 'Denaro' della guardia di finanza ma invece di condurli in Italia li riportò in Libia, affidandoli alle autorità locali. La notizia fu riportata da numerosi quotidiani e il procuratore capo di Siracusa, Ugo Rossi, aprì un'inchiesta conoscitiva e poi indagò diversi militari della guardia di finanza. Gli ordini di 'respingimento', secondo la ricostruzione della magistratura Siracusa, che li contesta ritenendo la nave 'territorio italiano in cui si applica la legge italiana', arrivarono direttamente da Roma e per questo la Procura ha disposto la citazione a giudizio per violenza privata del direttore di polizia per l'immigrazione, Rodolfo Ronconi, e del generale della guardia di finanza Vincenzo Carrarini.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php