Live Sicilia

Coinvolti gli Agrò di Racalmuto

Mafia, sequestro da due milioni


Articolo letto 423 volte
VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Le Direzioni Investigative Antimafia di Agrigento e Lecce hanno sequestrato conti correnti bancari, beni e quote societarie di un'azienda, la I.S.O.A. Servizi Srl di Fasano (Brindisi), che opera nel settore dello stoccaggio e del trasporto di olio alimentare, riconducibili agli imprenditori Diego e Ignazio Agrò, originari di Racalmuto (Agrigento). I beni sequestrati hanno un valore di 2 milioni di euro. A marzo la Dia sequestrò ai due fratelli imprenditori beni per oltre 50 milioni di euro. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Agrigento, su richiesta del pm di Palermo Roberto Scarpinato e sulla base di indagini bancarie e patrimoniali effettuate dalla Dia. I fratelli Agrò sono stati arrestati nel 2007 nell'ambito dell'operazione antimafia 'Domino 2', a seguito delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Maurizio Di Gati, ex capo della mafia agrigentina, e condannati all'ergastolo per un omicidio commesso nel 1992.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php