Live Sicilia

Miss Italia 2008

Vince Miriam Leone,
la reginetta è una siciliana


Articolo letto 502 volte
VOTA
0/5
0 voti

acireale, miriam leone, miss italia, siciliana

E’ siciliana, precisamente di Acireale, Miss Italia 2008. Capelli rossi e occhi azzurri, Miriam Leone ha un sorriso che ammalia.

Dopo essere stata eliminata martedì scorso, alla prima delle quattro finali, è stata inaspettatamente ripescata nell’ultima serata di selezioni, fino al primo posto del podio. Ha 23 anni, è single ed stata scelta anche da una giuria tecnica guidata da Enrico Lucherini come Miss Cinema, vincendo un corso di recitazione gratuito di tre mesi negli Stati Uniti, in uno dei celebri 'The Lee Strasberg Theater Institute' a Los Angeles o New York.

Durante la finalissima ha flirtato virtualmente con Pietro Taricone, nel riprodurre la scena di un film con Andy Garcia, ha dichiarato che dorme con una canottiera a costine da camionista e che vuole un uomo silenzioso. Ha detto anche di essere a due esami dalla laurea in lettere e quando Anna Strasberg, moglie del fondatore dell'Actor's Studio di New York, le ha chiesto se interromperebbe gli studi nel caso le proponessero un film, ha risposto che cercherebbe di conciliare lo studio con il lavoro. Ha dedicato la vittoria alla mamma e non è sfuggita alla “carrambata” di rigore, quando ancora si contendeva il titolo con l’altra siciliana Marianna Di Martino De Cecco . Al telefono per lei c’era l’amica Roberta, che lei chiama Rorò, mentre per la concorrente c’era il fratello, che ha esordito con un sonoro: “Ciao gioia!”, ha parlato in siciliano senza fermarsi per neanche minuto, fino a quando Conti è sbottato in un: “Minchia, non si capisce niente!”.

Nonostante gli eterni ingredienti del varietà, ovvero la presenza delle miss, la parata di ospiti che hanno spaziato dalla comicità (Antonio Giuliani e Gabriele Cirilli), alla musica (Raf, Gianni Morandi, Giusy Ferreri), allo sport (Giulia Quintavalle) e i giurati illustri, questa edizione di Miss Italia non è stata proprio esaltante dal punto di vista degli ascolti. Partiti male e sempre a vantaggio di Canale 5, si sono risollevati, ma solo un po’, nella penultima puntata. Ciò a dispetto anche della lacrima trasversale Rai-Mediaset (in stile “Carramba che sorpresa” o “C’è posta per te”). Un classico per tutte le stagioni, di sicuro successo (di solito), a cui Carlo Conti non ha saputo rinunciare. Abbiamo assistito in diretta al piantino in diretta della miss che vede il papà comparire in platea, quel papà tanto severo che le aveva promesso che mai e poi mai sarebbe andato a vederla, perché il concorso le aveva fatto ritardare di qualche mese la discussione della tesi di laurea. Oppure Miss Italia nel Mondo, la paraguayana Fiorella Migliore, che ha pianto perché le mancava il padre, il signor Hugo. Per un attimo sembra che Conti voglia chiamare sul palco il genitore. Ma niente.

La giuria tecnica è stata presieduta da Enrico Lucherini, con Giovanna Ralli, Roberta Lanfranchi, Federico Moccia e Pietro Taricone. Mentre quella "artistica" è costituita da Bianca Guaccero, Lorena Bianchetti, Kaspar Capparoni, Martina Stella, Martina Colombari, Pupo e Nino Frassica. Della giuria hanno fatto parte anche Anna Strasberg, il direttore di "Diva e Donna" Silvana Giacobini e il condirettore di "Tv Sorrisi e Canzoni" Rosanna Mani.

I retroscena
Uno dei tornemtoni di quest’anno è stata la vicenda della “maggiorata” Miss Emilia, Benedetta Mazza, arrivata in finale, che nel corso di un’intervista all’Ansa di qualche giorno fa ha detto di essere stata criticata dalla giuria tecnica per le sue misure, salvo poi mitigare i toni. "Tutta la vicenda nasce – ha detto - dal fatto che la Gianna Tani, una delle componenti della giuria delle preselezioni, mi avesse detto amichevolmente nel corso di un incontro tra giuria e candidate ammesse di diritto alla selezione di questi giorni in quanto elette miss regionali, che 'magari un chiletto in meno non guasterebbe'".

Patrizia Mirigliani, il “patron” dell’evento, se l’è presa con il fotografo Oliviero Toscani, che della trasmissione aveva detto del concorso: “E' uno schifo, un mercato di bestiame, umiliante per le donne”. In settimana la Mirigliani aveva tagliato corto: “E' solo un segno di spregio e non è proprio da raccogliere”. Per poi far circolare in conferenza stampa, qualche giorno dopo, una foto che ritrae l’art director insieme a tre miss in costume da bagno e fascia dei titoli vinti nel 2006, scattata nell’edizione 2007 del Vinitaly.

Carlo Conti “beccato” dalle Iene. Mentre il conduttore che ha spostato “in avanti” il concetto di abbronzatura cenava a Salsomaggiore dopo la seconda serata, è stato sorpreso da una “Iena” che ipotizzava una pubblicità occulta. Conti, che è anche direttore artistico della trasmissione su Raiuno, ha replicato dicendo che “se si fa o meno il nome di qualche azienda è perchè così è previsto da un contratto”.

di Cristiana Rizzo



/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php